Il Generale Charham Roberdeau Wheat

Indubbiamente è una forzatura il voler inserire questo americano fra i personaggi borbonici degni di essere ricordato, perché non lo fu essendo stato a tutti gli  effetti un garibaldino attivo, ma indirettamente contribuì al riscatto morale dei soldati duosiciliani, dipinti in tutto il mondo grazie alle fake news, come si direbbe oggi, messe in giro dai piemontesi e che ancora oggi sono difficili da smontare.

Nacque ad Alexandria, Virginia, il 9 aprile 1826, ricevette una formazione accademica, laureandosi all’Università di Nashville, nel 1845. Chatham e morì nella battaglia di Gaines’ Mill, 27 giugno 1862. Fu ufficiale nell’US Army, combattente in Sud America generale dei garibaldini e maggiore dell’esercito degli Stati Confederati durante la guerra di secessione.

Allo scoppio della guerra in Messico; fu il primo ad arruolarsi come volontario e nominato sottotenente della compagnia dei Dragoni, distinguendosi subito in battaglia, poi combatté in tutta l’America latina e a Cuba contro la Spagna. Quando nel mondo cominciavano a risuonare il nome e le imprese di Garibaldi che aveva conosciuto a New York nel 1850, sentì subito il desiderio di unirsi a lui per la causa italiana, soddisfacendo anche  un desiderio a lungo accarezzato, quello di visitare l’Europa. Sbarcò in Inghilterra e si unì ad un gruppo di volontari diretti in Italia per unirsi ai garibaldini.

Garibaldi lo accolse a braccia aperte promovendolo generale.  Wheat dimostrò di meritarsi questo grado partecipando alla battaglia del Volturno e a quella di Capua contro l’esercito borbonico; e nei numerosi scontri che ne seguirono, il suo slancio e il suo coraggio furono il tema frequente dei corrispondenti militari della stampa britannica. Oltre al grado di generale  “Bob”  era anche amico intimo del nizzardo, e fu presente quando Garibaldi incontrò Vittorio Emanuele II consegnandogli il regno appena conquistato, quello delle Due Sicilie.

Nello stesso periodo negli Stati Uniti d’America stava per esplodere la guerra di secessione e Wheat maturò subito l’idea di ritornare in America per mettere la sua spada al servizio dei Confederali.

In quel momento c’erano sul tappeto due problemi, uno nella Confederazione ed un altro nel recente stato italiano. Il primo consisteva nel fatto che i confederali non avevano ancora un proprio esercito strutturato, anche se avevano molti volontari, coraggiosi e temerari, ma poco disciplinati, mentre il neo stato italiano aveva circa diecimila soldati ex borbonici che non sapeva come sistemare, perché non aveva una buona considerazione degli ex soldati napoletani oltre a considerarli mezzi banditi e briganti.

Su impulso di Liborio Romano, si pensò di mandare i prigionieri borbonici in Australia che era da tempo una colonia penale inglese.

Wheat invece pensò di  portarli con sé in America perché coraggiosi e disciplinati come aveva avuto modo di constatare specialmente nella battaglia sul Volturno dove Garibaldi  aveva vinto solo  per l’apporto dei soldati sabaudi.

Chiese allora a Garibaldi di poter reclutare prigionieri e sbandati dell’esercito Borbonico da inviare in Luisiana. Garibaldi disse subito di sì  e dissero di si anche gli ex soldati borbonici.

I primi soldati italiani, circa 1800 giunsero a New Orleans da gennaio a maggio 1861.

Così fu organizzato il Battaglione GUARDIA ITALIANA (Italian guards btg), dopo che i soldati avevano rifiutato il nome di Brigata Garibaldi. Oltre  a questa brigata altri ex soldati borbonici delle Due Sicilie erano presenti anche in formazioni militari di altri Stati del Sud dove si  distinsero per valore e spirito di sacrificio.

Come preannunciata la guerra civile americana scoppiò il 12 aprile 1861  e terminò il 23 giugno 1865.

 Wheat  partecipò alla prima battaglia della Guerra di secessione americana sul fiume Bull Run (1861) alla testa del battaglione “Tigri della Louisiana”.

Nella Seconda battaglia di Bull Run combattuta dal 28 al 30 agosto nella quale, rimasti a corto di pallottole, gli ex borbonici della 1^ Compagnia  si distinsero per aver continuato a combattere lanciando sassi contro il nemico. L’episodio divenne uno tra i più famosi della guerra civile americana e fu anche ritratto da alcuni pittori.

Ma Wheat non assisté alla sconfitta della Confederazione perché trovò la morte mentre caricava impetuosamente con il suo battaglione le linee nordiste alla battaglia di Gaines’ Mill.

Prima di spirare chiese ai suoi uomini di essere sepolto sul campo di battaglia.

E fu accontentato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights